Ecco come ho rivisto l’art. 3 dello Statuto Sardo

sardegna.gifQuello che leggerete di seguito è la mia personale rivisitazione dell’art. 3 dello Statuto Sardo.

Ma credetemi se vi dico che il progetto che ho in mente è molto più complesso 😉

 

TITOLO II – Funzioni della Regione

Articolo 3

In armonia con la Costituzione e i principi dell’ordinamento giuridico della Repubblica1 e col

rispetto degli obblighi internazionali, la Regione ha potestà legislativa nelle seguentimaterie:

1) fisco;

2) ordinamento degli uffici e degli enti amministrativi della Regione e stato giuridico ed

economico del personale;

3) ordinamento degli enti locali e delle relative circoscrizioni2;

4) polizia locale urbana e rurale;

5) agricoltura e foreste; bonifiche e opere di miglioramento agrario e fondiario3;

6) lavori pubblici di esclusivo interesse della Regione;

7) edilizia ed urbanistica;

8) trasporti su linee automobilistiche e tramviarie;

9) acque minerali e termali;

10) caccia e pesca;

11) esercizio dei diritti demaniali della Regione sulle acque pubbliche;

12) esercizio dei diritti demaniali e patrimoniali della Regione relativi alle miniere, cave e saline;

13) usi civili;

14) artigianato;

15) turismo, industria alberghiera;

16) biblioteche e musei di enti locali.

17) industria, commercio ed esercizio industriale delle miniere, cave e saline;

18) istituzione ed ordinamento degli enti di credito fondiario ed agrario, delle casse di risparmio, delle casse rurali, dei monti frumentari e di pegno e delle altre aziende di credito di carattere regionale; relative autorizzazioni;

19) opere di grande e media bonifica e di trasformazione fondiaria;

20) espropriazione per pubblica utilità non riguardante opere a carico dello Stato;

21) produzione e distribuzione dell’energia elettrica;

22) linee marittime ed aeree di cabotaggio fra i porti e gli scali della Regione;

23) assunzione di pubblici servizi;

24) assistenza e beneficenza pubblica;

25) igiene e sanità pubblica;

26) disciplina annonaria;

27) pubblici spettacoli.

28) istruzione di ogni ordine e grado, ordinamento degli studi;

29) lavoro; previdenza ed assistenza sociale;

30) antichità e belle arti;

31) nelle altre materie previste da leggi dello Stato.

32) sanità

33) pubblica sicurezza

34) in tutte le materie di politica interna al suo territorio.

A voi i commenti….

Ecco come ho rivisto l’art. 3 dello Statuto Sardoultima modifica: 2012-05-02T16:36:00+00:00da morenocontini
Reposta per primo quest’articolo