LETTERA AGLI ORISTANESI

251082_107830109309814_100002484773072_74689_8364184_n.jpgCare e cari amiche e amici oristanesi,

con questa lettera voglio comunicarvi la mia candidatura a consigliere comunale per il comune di Oristano.

Utilizzerò questo mezzo perché non ho intenzione di fare una campagna elettorale tradizionale fatta di visite porta a porta, di promesse che non potrò mantenere, di richieste di promesse di voto da parte di amici e parenti, non farò neanche i santini perché chi condividerà la mia visione delle cose potrà scriversi il mio nome su un foglietto se non vuole dimenticarlo.

Il  motivo di questa scelta sta proprio nella mia visione della politica, che non deve essere apparenza, ma sostanza. Conquistarsi il voto con sistemi tradizionali alimenterebbe quello stesso sistema che a me non piace.

Io ritengo che il cittadino debba fare una scelta consapevole e frutto di un ragionamento individuale.

Il cittadino non deve promettere il voto a quello o quell’altro, ma deve promettere a se stesso che farà la scelta giusta, quale essa sia. Ricordandosi che non dovrà rispondere della sua scelta all’amico o parente che gli ha chiesto il voto, ma solo a se stesso e alla sua coscienza.

Invocare continuamente il cambiamento e poi agire sempre allo stesso modo è una contraddizione in termini. Perciò vi chiedo di spezzare questa catena che ci imprigiona alle logiche malate della politica tradizionale e di dare il via ad una rivoluzione culturale che ci proietti nella vera politica, quella che deriva dal significato etimologico del termine.

Non vi chiedo quindi di votare me nello specifico (posto che non mi offenderò se lo faceste), ma di scegliere tra i tanti candidati quelle persone che per il loro comportamento, che per quello che sapete di loro e per le sensazioni che vi trasmettono vi ispirano maggiore fiducia. Non abbiate paura del nuovo. D’altronde cosa potranno mai fare di peggio di ciò che è stato fatto fino ad ora.

E ricordatevi che i cambiamenti concreti e reali arrivano sempre e solo dalla società civile, dal loro impegno, dalla loro determinazione, dalle azioni del quotidiano.

Non confidate nei falsi predicatori, ma solo nel vostro insindacabile giudizio libero da dogmi e senso di appartenenza. Voi appartenete a voi stessi e siete voi a dover dire ai vostri partiti cosa devono fare e non farvi convincere da loro di cosa sia giusto o sbagliato.

Seguite pure l’istinto, ma non senza aver prima consultato la ragione.

Chiedete a voi stessi cosa vorreste ed immaginate chi possa meglio rappresentarvi nelle Istituzioni, è con questa logica che dovrete fare le vostre scelte.

Un caro saluto a tutti voi, un sincero augurio a tutti quei candidati che con spirito sincero vogliono mettersi a disposizione della loro città.

W Oristano.

Moreno

LETTERA AGLI ORISTANESIultima modifica: 2012-05-15T12:49:28+00:00da morenocontini
Reposta per primo quest’articolo